Solevol
Sede: Lecco, Corso Carlo Alberto 37/A
Orari: Lunedì, Mercoledì, Giovedì: 9.00/12.30 - 14.00/17.30; Martedì: 14.00/17.30; Venerdì: 9.00/12.30
tel. 0341.350680 - fax 0341.352988 - solevol@solevol.com
C.F 92031060137 - P. IVA 03799910165
Home » Territorio » In rete per la Salute Mentale

In rete per la Salute Mentale


Il risalto dato al tema della alla salute mentale dal Piano di Zona 2015-2017 dei distretti di Bellano, Lecco e Merate, ha aperto opportunità interessanti per le sei associazioni territoriali che si occupano di salute mentale (Amatec, ASVAP Lecco, ASVAP Suello, Psiche Lombardia, Talita Kum, Volontaria-Mente), che già dal 2011 avevano promosso la “Rete per una comunità per la salute mentale”, attraverso la promozione di iniziative di informazione, formazione e sensibilizzazione, attività di aggregazione e incontro, iniziative per il tempo libero, integrazione sociale rivolte a persone in condizioni di fragilità.
Il progetto “Congiuntamente” è un primo esito del lavoro di confronto, raccordo e programmazione comune.
“Congiuntamente” è un progetto di welfare locale che si propone di accompagnare e sostenere le persone che vivono problemi di salute mentale, affinché possano trovare il proprio ruolo all’interno della comunità. Il progetto è nato dalla collaborazione fra le sei associazioni sopra menzionate, supportate e coordinate dall’Ufficio dei Piani di Zona dei tre distretti della provincia di Lecco e da SoLeVol. “CongiuntaMente”, attraverso eventi pubblici, attività di sensibilizzazione e formazione, ha sollecitato nel corso del 2016 una nuova attenzione da parte dell’opinione pubblica rispetto al tema della salute mentale, affinché le persone affette da disturbi psichici possano essere accolte all’interno della propria comunità e avere un ruolo attivo in essa.
Il progetto si prefigge inoltre di coinvolgere la popolazione del territorio provinciale in iniziative d’informazione e formazione, al fine stimolare nuova consapevolezza sulla questione e favorire un ruolo attivo da parte della comunità nell’attivazione di processi di apertura, inclusione e integrazione delle persone con disagio mentale.
 


Stampa