Solevol
Sede: Lecco, Corso Carlo Alberto 37/A
Orari: Lunedì, Mercoledì, Giovedì: 9.00/12.30 - 14.00/17.30; Martedì: 14.00/17.30; Venerdì: 9.00/12.30
tel. 0341.350680 - fax 0341.352988 - solevol@solevol.com
C.F 92031060137 - P. IVA 03799910165
Home » Territorio » In rete con la Disabilità

In rete con la Disabilità


SoLeVol supporta la rete delle associazioni attive nell’ambito della disabilità, che, con Federazione Coordinamento Handicap, Cooperativa Sociale La Vecchia Quercia e le istituzioni locali, ha dato vita a una progettualità per accompagnare le persone disabili verso una vita autonoma nel periodo in cui non potranno più contare sul sostegno della propria famiglia di origine.
La costruzione di collaborazioni sinergiche fra volontariato, Terzo Settore ed enti locali si è rafforzata grazie alla partecipazione al Bando Volontariato 2014, con cui la rete ha ottenuto un finanziamento per la sperimentazione del progetto “Passo dopo passo, pietra dopo pietra: verso una nuova residenzialità per persone con disabilità” realizzato nel corso del 2015. Il progetto ha messo le basi per l’avvio di una sperimentazione legata da una parte alla preparazione culturale dei familiari all’allentamento della persona disabile dal presidio genitoriale e all’acquisizione di una propria autonomia. Dall’altra, le persone disabili sono state coinvolte in piccole esperienze di sollievo e di residenzialità, i “weekend dell’autonomia”, rese possibili dalla collaborazione fra volontari e operatori dei servizi e le strutture residenziali presenti sul territorio.
Il progetto Passo dopo Passo prosegue grazie al lavoro condiviso tra volontariato, cooperazione sociale e Uffici di Piano, coordinato da una “cabina di regia”, con il coinvolgimento attivo delle persone disabili nei weekend al fine di sviluppare e valorizzare le loro potenzialità nel costruirsi un progetto di vita. Sono stati attivati degli spazi dedicati al confronto fra i genitori e i familiari, che con frequenza costante si ritrovano per condividere bisogni, esperienze, risultati e fatiche sulle tematiche del “durante noi dopo di noi”. Lo sviluppo del progetto prevede anche la costituzione di un gruppo di auto-mutuo-aiuto per i familiari che stanno camminando su questo percorso verso l’autonomia.
 


Stampa